SUPERCLASSIFICA FRIDAY – SUE ELLEN’S DRINKING TEAM: TV BONUS ROUND UP

AH- EH EH EH EH – EEEEHMMM.

Bientornati a tutti (Emoticon di skype con la faccina che fa un sorriso solo denti.)

Purtroppo, tra lavoro, altro lavoro, vacanze, e il fatto che questo blog è per me un divertimento e una passione, ma non un lavoro, il tempo che avanza se lo mangia sempre qualcos’altro (A volte, lo ammetto, anche gli aperitivi).

 

Ma l’unico modo per portare avanti qualcosa è , appunto, portarla avanti, quindi procediamo sperando questa volta che nulla ci interrompa olte.

 

A parte gli aperitivi. Quelli vincono sempre, mi spiace.

 

Allora, che giorno è oggi? Venerdì. E non so se vi fosse chiaro  ma noi al venerdì ci occupiamo di classifiche.

Vi avevo lasciato con Leonardo di Caprio strafatto di Quaalude (quindi, suppongo non vi stesse annoiando), e ora andiamo a trovare i nostri amici ubriachi in TV!

Lo so, LO SO. Avevo detto che avevamo finito con le sbronze. Che avremmo detto no al colesterolo e si a Valsoia. Che il prossimo articolo sarebbe stato sui decotti depurativi. MA! Mentre scrivevo di cinema e alcol, non ho potuto non pensare ai migliori alcolisti della TV (Quasi tutte donne, che gli uomini ubriaconi nei telefilm sono sempre violenti e poi arriva il prete di Settimo Cielo e li converte tutti. Poi lui intanto la figlia che si faceva di antidolorifici l’ha spedita in rehab in esilio fino a fine serie. Alla faccia dell’amore cristiano. MA STO DIVAGANDO. )

Ecco quindi un roundup di piccole grandi teste calde a cui ispirarci, che se dobbiamo fare stupidaggini almeno facciamole bene.

 

GOGOGOGOGO!

 

NUMERO 1 DELLA VIDA: SUE ELLEN (DINASTY)

 

La grande Sue Ellen, con le sue spalline anni ‘80, è la Reggina indiscussa nonchè la pioniera delle alcolizzate televisive. Con il suo bicchiere di vino sempre in mano, ha ispirato un movimento in suo onore (Sue Ellen drinking team è una linea di magliette, che io ho copiato violentemente perchè sono una copiona, di base), e ha anche avuto la badassaggine di sparare a J.R. (Se vi ho spoilerato questa cosa chiedo scusa, ma in mia discolpa è una cosa che sanno tutti dagli anni 90).

SueEllen è la donna maltrattata e debole che beve tra grandi sospiri per dimenticare, poi le parte l’embolo e ti fa fuori. La tipica pazza di studio aperto che per i vicini si vedeva fosse strana, perchè sul pianerottolo non salutava mai.

La nostra inner SueEllen dovrebbe uscire sempre in quei momenti di tragedia nei quali decidiamo di chiudere la questione con un po di DramaH, anche se noi non buttiamo giù nessuno dalle scale e ci limitiamo a uscire sbattendo molto forte la porta.

 

NUMERO 2 MA DISTANZIATA DI POCO: CERSEI LANNISTER (GAME OF THRONES)

My life these days.

Le ragioni che spingono la regina di Approdo del re a bere sono molteplici; un matrimonio senza amore, incesti, 3 figli scemi, inspiegabilmente biondi e identici al fratello, un padre sanguinario, tutta quella gente che vuole portarle via la sedia di design fatta con materiali di recupero (spade, ma va bhe) edizione limitata di Kartell.

Lei non è una donna debole come SueEllen, che beve per dimenticare, lei beve per rafforzare il fatto che vincerà. Beve appena sveglia perchè può; Beve perchè è una Bad Bitch e fermala se ce la fai.

Cersei dentro di noi si forma non appena qualcuno tenta di superarci nella coda al bagno in discoteca, quando qualcuna/o fissa il/la nostro/a ragazzo/a per più di 10 secondi, quando finisce l’acqua nella macchinetta del caffè dell’ufficio e nessuno si degna di aggiungerla.

Li, nella nostra testa testa parte “FANFAFAFARAFAN FAFARAFAN” e i nemici possono solo sperare che abbiamo 2 mani occupate con due diversi cocktail (Io ne prendo sempre 2 alla volta, che mi scoccio a rifare la fila).

 

NUMERO 3 MA UN PO’ NUMERO 1 NEL MIO CORAZON: LUCILLE BLUTH (ARRESTED DEVELOPMENT)

Arrested Development è un telefilm sottovalutato, che nelle sue prime 3 serie ha concentrato in sè tanta di quella geniale comicità da prendere letteralmente a sberle qualsiasi altra sit com commediola del cavolo con risate registrate che però ha inspiegabilmente avuto più visibilità.

Lucille Bluth è una donna attaccata al suo vodka martini e alle sue battute sarcstiche, ricca, snob, egoista, egocentrica, incurante dei sentimenti altrui. E NON RIESCI  A FARE A MENO DI ADORARLA.

Una donna che ha insegnato ai figli che la vodka, una volta aperta va finita, se no va a male. Un mito, porco cane.

Lucille Bluth è la desperate housewife con una marcia in più, la nonna alcolista che tutti vorremmo, la definizione vivente di I DON’T GIVE A FUCK.

Lucille Bluth sale quando non ne possiamo più, quando single a una cena di fidanzati che si sbaciucchiano ci aggrappiamo alla bottiglia di Barolo come se ne dipendesse la nostra vita, quando trascinati alla fiera del latino americano l’età media è sotto i 18 e sopra gli 80, e il Q.I. medio è l’encefalogramma piatto. Lucille viene a trovarci in quei momenti in cui non ci frega di nulla di cosa penseranno gli altri, di offendere nessuno o di fare bella figura, ci frega solo che la tortura finisca e che il cervello si annebbi.

 

NUMERO QUATTRO SOLO PERCHE’ TUTTI NON POSSONO STARE SUL PODIO: KAREN WALKER (WILL & GRACE)

Drink GIFs - Find & Share on GIPHY

Non si può parlare di alcolisti da tv senza parlare di lei, della regina, della piccola spongebob assorbi – vodka, la mitica Karen Walker.

Karen è un po’ un sogno irrealizzabile, un inno politically scorrect all’alcolismo e alla intossicazione da farmaci.

Totalmente irrealistica e fuori dagli schemi, vive la sua vita tra un martini e un antidolorifico, dorme 10 minuti a notte, ed è stata sostanzialmente ricostruita nel laboratorio di un chirurgo plastico.

Karen è quello che io definisco “Don’t try this at home”: sarebbe molto, molto figo imbottirsi di qualsivoglia sostanza e mantenere la propria dignità e salute, ma al suo posto saremmo già 20 metri sotto terra, in prigione, in riabilitazione, sposati con Briatore.

E’ questo rende la Karenona così meravigliosa: è il nostro sogno irrealizzabile che per un attimo diventa reale sullo schermo e ci riempie il cuore di gioia.

La nostra Karen Walker, anche se in modo più moderato, esce allo scoperto quando sentiamo la parola “open bar”, oppure quando partecipiamo a un barbeque in un eremo in montagna senza testimoni scomodi. O ancora, al nostro compleanno (E se non avete degli amici che al vostro compleanno vi danno la greenlight per fare più o meno ciò che volete accettandolo in silenzio, non avete degli amici).

Nessuno di noi potrebbe essere una perfetta junkie incurante delle conseguenze delle proprie azioni tutta la propria vita, ma ahhhh, quelle due o tre serate l’anno, che soddisfazione servirsi di spumante direttamente dal collo della bottiglia e nutrirsi solo di orsetti imbevuti nella vodka.

Che. soddisfazione.

 

 

NUMERO CINQUE PER LE QUOTE BLU: NICK MILLER (NEW GIRL)

 

 

L’unico uomo degno di nota in questo elenco è il buon Nick Miller di “New Girl”: un barista mai del tutto ubriaco e mail del tutto sobrio.

Per chi di noi abbia visto lo show televisivo “New Girl”, Nick è diventato subito il personaggio del cuore: disadattato, ingestibile, paranoico, ignavio, alcolista, senza prospettive, con una propensione alla rabbia passivo-aggressiva e all’anzianità precoce.

Nick Miller è la definizione della domenica: senza prospettive, molle, lenta, lievemente alcolica e senza struttura.

Nick Miller è la serie di progetti che al sabato facciamo per la domenica (Sistemare l’intera casa in ordine alfabetico, andare a correre, cucinare la parmigiana, andare a vedere la mostra di Mirò senza sapere chi sia Mirò) per poi passare l’intera giornata a guardare le repliche di “friends” sul divano in preda a un Hangover da record.

 

MENZIONI SPECIALI E PREMI DELLA CRITICA:

Per chiudere definitivamente il capitolo alcolismo, vorrei dedicare il premo della critica ad alcuni dei momenti di alcolismo televisivo più significativi della storia: brevi, ma intensi.

 

THANK YOU, LINUS

I GRADI DELL’ALCOLISMO 

 

100% REAL HANGOVER

 

TRUE AMERICAN 

 

E LA MIGLIORE DESCRIZIONE DI CHIUNQUE DI NOI DAVANTI ALL’ORDINE DEL MEDICO “MI RACCOMANDO, SOLO UN BICCHIERE DI VINO AL GIORNO!” 

 

Tv Land GIFs - Find & Share on GIPHY

 

 

Post correlati

CINEMA D’ESSAI...

  Nella lunga strada che porta alla Conoscenza cinematografica conlacimaiuscola, è...

GIOVEDI’ TBT – La...

Mie carissime nonnine, è con estremo orgoglio ed estrema gioia che dedico il secondo...

SUPERCLASSIFICAFRIDAY: SUE...

Amici, nonne, nonni. E’ venerdì, e dopo una settimana di lavoro alcuni di noi si...

SUPERCLASSIFICAFRIDAY: SUE...

Come è andata la vostra settimana, miei spostati di casa preferiti? Siete sopravvissuti...

SUPERCLASSIFICAFRIDAY: SUE...

  Ed è così cari amici, che si conclude il nostro viaggio nel mondo delle...

GIOVEDI’ TBT –...

AH-EHM. Volevo postare questo nuovo articolo facendo finta di niente, come quegli amici...

One Comment

  • Dr. Dealgood

    Mi permetto di segnalare “Secret Mission” dalle serie “Galavant”. Dare a due idioti ubriachi un’idea altrettanto idiota è garanzia di disastro. O di una serata grandiosa. Dipende da che parte la guardi.

    https://youtu.be/HLrpb8Z–fs

Lascia un commento